Se sopravvivo a quest’estate o divento atea o programmo una capatina a Lourdes


Sveglia dalle sei e trenta.

Dieci ore di sonno dopo una giornata terrificante: una mattina passata con una ragazzina isterica e prepotente che vuol avere ragione sempre e solo lei, un pranzo veloce per poi tuffarsi in un pomeriggio prurigginoso con Minnie rincoglionita più che mai, nel bel mezzo di una versione rivisitata dei giochi senza frontiere all’oratorio. Inutile dire che alle diociotto e trenta quando ancora nessuno arrivava a ritirare Minnie io stavo morendo di caldo, la mia testa stava esplodendo e la mia gamba malandata inziava a bestemmiare in tutte le lingue, ma non finisce qua! Finalmente libera e lontana da nani di ogni età saltellanti e urlanti, musica da acr sparata a tutto volume arrivo alla mia macchina che no, non ha proprio alcuna intenzione di mettersi in moto e dire che è stata dal meccanico meno di una settimana fa.
Intrattengo meravigliosamente il vecchietto che sta seduto davanti casa vicino al mio rottame e all’ennesimo tentativo alzo bandiera bianca e chiamo Lui.
Vengo raccattata, ma dimentico in auto il prezioso materiale di cui Lui non poteva fare a meno ( le cartine per le sigarette!) e scoppia la lite furibonda!
La testa mi pulsa, presto esploderà. Sono quasi le venti e sto soccombendo (o forse l’ho già fatto!), me ne vado a letto senza cena così come mi trovo, ansiosa di cadere nel temporaneo oblio del sonno.

Oggi la macchina è ancora là, stamattina non dovevo lavorare e volevo andare al mare ma ovviamente non posso farlo.
Al momento non c’è nessuno che possa portarmi a vedere se quella stronza di macchina magari ha cambiato idea e adesso ha voglia di accendersi. Alle quindici devo andare a lavorare e mi toccherà chiedere in prestito la macchina a Lui (cosa che vorrei evitare con tutta me stessa).

Vorrei essere positiva e dire che spero che questa giornata mi sorprenda. Non lo farò. Non vorrei che la cosa urtasse chi da lassù ultimamente non ha pietà di me.

Annunci

5 thoughts on “Se sopravvivo a quest’estate o divento atea o programmo una capatina a Lourdes

  1. Ho vissuto situazioni che somigliano a questa.La mia fortuna,se così si puo’ chiamare è che invece di avere un Lui come il tuo era uno indifferente a tutto.Uno che non spreca fiato neppure per litigare,uno che non ti considera minimamente e non so cosa sia peggio.Avesse risposto alle mie provocazioni,almeno qualche volta mi sarei potuta sfogare.L’unica cosa che ti auguro è che vada tutto bene per la salute,perchè ne so qualcosa di malattia e semi infermità,quindi…Un abbraccio e un sorriso,se possono rincuorarti un po’….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...