riflessioni notturne


Ho passato l’ultima parte della serata a guardare più di cinque cd colmi di fotografie.
Scatti che immortalano quattro anni. Quattro anni di vita vissuta in cui le luci, i colori, le stagioni si susseguono e scandiscono il passare del tempo in maniera vorticosa e rutilante. E io là nei miei sali e scendi. Sulle mie personalissime montagne russe con cui attraverso gli anni.
Ho trovato foto di cui non ho memoria e non sono di quelle più datate, ma risalgono soltanto al duemilaedieci. L’anno che ha preceduto una battuta d’arresto senza precedenti.
Non ho praticamente vissuto, ho buttato nel cesso interi mesi che hanno trascinato via con sé i ricordi che di poco l’avevano preceduti.
La cosa ha  ha prodotto danni paragonabili solo a quelli che farebbe un elefante in una cristalleria.
Ho camminato sui cocci rotti per tanto tempo soffrendo a denti stretti, perchè infondo ero io la responsabile del tutto e non potevo far finta che non fosse successo niente. Sentivo di doverla scontare una pena, perchè avevo deluso e ferito chi mi stava intorno.
A un anno di distanza molti cocci stanno ancora in terra. Sembra
quasi impossibile ricomporre quello che si è spezzato. Tra un pezzo e l’altro manca sempre una piccola scheggia. Introvabile.
Il puzzle continua a procedere a tentativi (ormai anche parecchio carichi di rabbia) senza mai arrivare ad una conclusione.

Di ritorno dal Lago di Pilato, 21 agosto 2009
Foto gentimente concessa dal mio papà.

Annunci

5 thoughts on “riflessioni notturne

  1. Provo le stesse sensazioni,solo che l’anno trascorso in cocci sta a cavallo tra il 2011 e il 2012.Si compirà fra un mese e mezzo circa.E mi sembra sempre più tempo persoe e mi sembra sempre più di non recuperare.Aspetto,perchè non puo’ piovere per sempre…

    • Ogni tanto anche io avverto le stesse tue sensazioni. Ci sono proprio giornate in cui getto in maniera molto chiara ed esplicita, la spugna… poi però il giorno dopo non riesco a stare con le mani in mano e mi rimetto in carraggiata. Forse la mia è solo testardaggine, forse è che mi sento responsabile o meglio in colpa… e questo è per me in molti casi la mia (a volte malsana) spinta propulsiva.
      Bisogna essere determinati ed ottimisti, anche se non è per niente facile! in bocca al lupo!

  2. Blu. Già il nome mi affascina, capirai perchè quando verrai a trovarmi. Io mi chiamo Giorgia e sono nuova di qui. Ma nuova nuova, compio un mese. Ci sono perchè incagliata in un 2006 che non vuole proseguire la sua naturale corsa verso l’eternità. Le tue parole non entrano nel merito del tuo dolore (se così posso chiamarlo, perdonami se sbaglio), descrivono uno stato d’animo e potrebbero essere usate per descrivere il mio. SemplicementeBlu, ti ho trovato, (o trovata?) in alcuni dei luoghi che ho visitato, seguita sino a qui, casa tua 2.0. Mi piace.
    La mia storia ha un BogartBlu che ancora non sono riuscita a trovare, mi aiuti? Io per intanto comincio a seguirti e ti aspetto.

  3. Ciao Giorgia,
    riflettendoci credo che quello che ho scritto forse potrebbe descrivere bene lo stato di tante persone, o per lo meno di tutte quelle che vivono un periodo di smarrimento per i più svariati motivi e poi tentano di ritornare in sè.
    Sono traslocata qui da pochi mesi anche io, nella mia prima casa ne avevo parlato… qui non sono entrata nel merito perchè mi fa male chiamarlo per nome ed associarlo a me quel famigerato dolore, chissà che un giorno non prenda coraggio e non decida di scriverci su ancora.
    Sono felice che ti piaccia qui, sei la benvenuta.
    ciao

    p.s.: I’m a girl! 😉

    • grazie, ho completato credo con successo la trafila che la wordpress richiede per diventare follower del tuo diario. Adesso ci sono (mi pare). Mi incuriosisci, mi verrebbe da chiederti subito di quale dolore si tratta. E’ solo il mio istinto, non conosce educazione, lascia stare. Piuttosto quanto hai tempo dammi un’opinione su quello che sto combinando su blogger, ma che sia trasparente, ti prego… tra donne 🙂 Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...