quando tu non vuoi dormire… 

​La gravidanza è una grande avventura, un viaggio tutto personale ed unico. Impossibile raccontarlo veramente a pieno, riportarne le sfumature emozionali, i risvolti psicologici, così come le sensazioni fisiche. 

Per me è stato un periodo veramente bello, un concentrato di felicità pura e di grande, sconfinato ottimismo.

Ebbene sì, io pessimista per natura ho vissuto mesi di incredibile positività, una positività cieca e ignorante  (forse idiota).

Sembrava che nulla mi  scalfisse e che niente di male mi sarebbe potuto accadere.

Visto lo stile di vita più che salutista e la forzata astensione dall’alcool, in gravidanza puoi concederti il lusso  di ubricarti di enebrianti quantità di ormoni che fra  le varie funzioni hanno anche quella di mantenere alto, altissimo direi, l’umore della mamma.

È stato uno spasso, non si può negare! Nel mio caso poi è perdurato pure dopo: devo aver fatto davvero una bella sbornia!

Pure questa come tutte le sbornie , poi passa però e i postumi si sa non sono simpatici. Ed eccoci qua.

Siamo arrivati alla doccia gelata che col suo freddo atroce ti sveglia e non c’è ormone che tenga! I piedi sono ritornati pesantemente a terra e si ritorna nel mondo reale dove i problemi sono dietro l’angolo, dove le cose si complicano, le scadenze si avvicinano e dove non è detto che tutto vada bene.  Si aprono nuove falle che è necessario tappare, saltano fuori difettosita’ da sistemare. 

Un gennaio freddissimo questo, non solo per le temperature, un gennaio che ti costringe a ripararti in un cappotto troppo pesante da portare addosso. Con il freddo ritorna la consapevolezza che fondamentalmente siamo tutti un pò soli con noi stessi, che  ci sono mancanze che non sono state colmate e che questo e tutto quello che non va ora non è solo affar mio, ma potrebbe diventare potenziale problema pure per  dolce piccola stellina che ora brilla nel mio cielo.

Annunci

niente succede per caso #2

Non si salva nessuno tra famigliari, compagni e amici: é una gara a chi ferisce di più, a chi lascia le delusioni più scottanti, una gara a chi mostra più indifferenza.
Una storia che si perpetua nel tempo senza eccezioni.

…e io non so far altro che darmi colpe o comunque attribuirmi responsabilità, che  tanto poi alla fine  si parla sempre della stessa cosa, invece che dirmi di aver proprio sempre a che fare con persone dimmerda.

Sono una malata di vittimismo  destinata all’estinzione, come dice qualcuno

niente succede per caso

Niente succede per caso.
C’é sempre granello di responsabilità, un bisogno malato che soddisfiamo in modo perverso, una visione non esatta, una convinzione sbagliata, una distorsione della realtà…

E ti trovi lì. Infangato fino alle ginocchia. Intrappolato nel nero vischioso delle tue delusioni. Colpito dal chiarore accecante delle disillusioni, sorpreso dal freddo gelido della realtà che spazza via il dolce tepore del mondo dai colori pastello che volevi vivere o che forse desiravi così forte, da convincerti che esistesse veramente.

Raccogliere i cocci per l’ennesima volta?
Buttare tutto nel secchio?
..e l’amor proprio dov’è?
Chi mai può proteggerci se non siamo prima di tutto noi a farlo?

Vorrei essere come l’araba fenice, capace di rinascere bella e vigorosa dalle proprie ceneri.
Ogni volta invece, sento che perdo un pezzo di me,un pezzo che mani grossolane ed egoiste strappano via e calpestano crudelmente.
E in tutto questo il dolore più grande non arriva dalla ferocia di gesti e parole, ma dal fatto che io permetta tutto ciò.

Cattiveria cercasi

Arriva primavera e comincia il down, altro che risveglio o rinascita.Scema l’entusiasmo, le sicurezze e la voglia di fare…ormai e’ un classico. Si smorza la forza, la sicurezza con cui vivo le giornate. E così allo specchio non riesco a vedere altro che un mostriciattolo informe, millemila dubbi sul cosa fare, come farlo e soprattutto l’avrò fatto bene?
Suscettibile. La suscettibilità fatta a persona.
Ogni tanto mi tengo per le briglie. Mi vedo vivere, come fossi fuori da me e cerco di raddrizzare il tiro.
Testa e pancia, pancia e testa in continua lotta. fragile. mi scalfisco facilmente e tutto quello che di me è problema diventa chiaro e netto.
Vivo cercando di evitare gli scontri, faccio di tutto per essere vista di buon occhio e lontana da qualsiasi tipo di accusa. Non voglio dover essere stronza, io non sono stronza. La parte della cattiva non l’ho mai saputa fare. Non so essere scorretta, almeno non intenzionalmente, ma non per tutti e così e allora arriva un punto in cui evitare di essere calpestata richiede di tirare fuori gli artigli, mettere paletti… e a me fa male. Mi fa sentire cattiva e mi appiccica addosso una brutta sensazione di sbagliato.
Anche incontrare una stronza come te, che un tempo mi cercavi e mi invitavi a casa tua… quasi inciampi su di me e all’improvviso cambi espressione, non sai da che parte guardare e vivi i tre secondi che ci incrociamo, come i piu’ penosi della tua vita, anche tu bandieruola al vento che non seo altro, anche tu mi fai male. La testa lo sa che la stronza sei te, ma la pancia vuole per forza trovare una colpa mia.

la luna non aspetta… e io stasera me la sono persa

Ho bisogno di vivere e condividere.
Di fare cose e vedere gente e sentirmi soddisfatta, appagata.
Ho bisogno di non avere paura, di non avere la necessità di difendermi. Di smettere di contare le perdite, le cose che avrei voluto fare e non ho fatto, le cose che sarebbero potute essere… Di smettere di vedere negli altri quello che sarei potuta essere.
Ho bisogno di smettere di aggrapparmi ai ricordi.
Ho bisogno di equilibrio e stabilità in questo mondo sbilenco.
Ho bisogno di quel coraggio che ti fa smettere di aspettare quello che non sarà.
Ho bisogno di vincere anche io ogni tanto.
Ho bisogno di vivere, di farlo davvero. Anche solo per un poco.

L’inconscio che ribolle

Mi guardo le gambe. Entrambe sono piene di ferite appena suturate. Non fanno male.
Muovendomi però i punti tirano,  non esce sangue vivo, solo qualche goccia di un liquido trasparente. Sono piena, piena di ferite e penso a quando diventeranno cicatrici e sarò ricoperta di strisce bianche, oltre a quella che ormai mi ritrovo sulla schiena.

È notte o comunque buio. Sono con Lui in un vialetto che porta probabilmente ad una villetta verso cui ci stiamo dirigendo ed è in salita. Iniziamo a camminare e mi rendo conto di non riuscire a salire, di non avere forza nelle gambe per farlo. Provo a camminare di lato come se la cosa mi potesse aiutare,niente. Non ci riesco. Lo dico a Lui che però prosegue lentamente fino a scomparire, ma anche se non c’è più sento che ancora riesce a vedermi. Non ho nessuna intenzione di fermarmi e mi dico che in qualche modo ce la farò, ce la devo fare perchè voglio farlo. Mi aggrappo agli alberi o alla siepe a lato del vialetto e cerco disperatamente di muovermi.
Mentre mi affanno, improvvisamente, come se la corda elastica che mi strattonava nella direzione opposta si sfilacciasse, riesco finalmente a muovermi, a risalire il vialetto. I miei movimenti sono piccoli e rallentati, ma mi sto muovendo…

Questo è parte del minestrone prodotto del mio inconscio.
E’ una versione fantasiosa, eccessiva e  rivisitata degli ultimi mesi della mia esistenza.
Ci sono tanti  pensieri e quasi tutte le sensazioni vissute, neanche troppo mascherate.
Non è un bel sogno, soprattutto per le vibrazioni che lascia.
Non è un bel sogno perchè pare impossibile, ma ha causato un litigio.
Non è un bel sogno e voglio illudermi sia stata colpa sua se la prima seduta di fiositerapia, oggi si sia trasformata in una seduta di psicoterapia.