Dallo sterco nascono i fior


Mi lamento, spesso e volentieri.
Io le disavventure, i percorsi lastricati di insidie, le trappole burocratiche, gli impiegati acidi, le postille e i cavilli non li tollero anzi  li odio con tutta me stessa.
Li odio di un odio spropositato anche perchè generalmente, non mi incazzo in maniera costruttiva nè tanto meno vengo mossa  a far vedere chi sono io, ma piuttosto sviluppo un senso di ingratitune nei confronti della vita.
Si lo so, sono estrema ed eccessiva, ma che vi posso dire? Su di me il pessimismo cosmico leopardiano ha esercitato sempre un certo fascino.

Oggi quindi per fare qualcosa di diverso, ho deciso di rivalutare sotto un’altra prospettiva tutte le res adversis da cui sono stata interessata ultimamente, prima fra tutte la questione-inps (sempre sia maledetta).
“Dallo sterco nascono i fior” diceva De Andrè, e io  questi fiori li voglio regalare, porgendo la mano ai tanti sventurati come me (lo so che ci siete vi vedo dalla chiavi di ricerca!) che approdano qui perchè attanagliati dalle stesse frustranti, snervanti, prurigginose questioni.

Nasce per questo oggi una nuova rubrica, che trovate su in alto nel menù :

Se non lo sai, sallo!

Ogni volta che alzo le coperte faccio volare il telecomando …diventerò una campionessa di lancio del telecomando

Due settimane e due giorni dall’intervento.

Faccio decisamente fatica a stare ferma, ma ci sto mettendo impegno. Giro ancora col mio sexy corsetto elastico. Ormai la nostra è una relazione morbosa. Io non so fare a meno di lui specie quando infilzandomi la schiena con le sue stecche, mi frena dal fare cazzate.
Sto venendo sommersa di regalini e regaletti.
Ieri è arrivata lei.Io la adoro.
Tra una visita e l’altra sto leggendo libri, tanti libri e non mi sembra vero di avere tutto questo tempo per farlo.

Lui è il mio fedele compagno. Quando smetto di girare per casa per stare distesa a letto, ogni tanto arriva annunciandomi il suo ingresso con un gru gru . Da una controllata alla stanza, sia mai ci fosse qualche novità e poi resta a farmi compagnia appollaiandosi sul comodino o piazzandosi davanti allo schermo della tv. Qualche volta viene pure ad implorare cibo miagolando a squarcia gola (nonostante Lui ogni mattina gli riempia la ciotola), poi mi guarda, forse capisce e si placa.Tutto questo sempre che abbia finito di giocare con un elastico che mi è caduto giorni fa e che lui ha pensato bene di rubare. Ormai è il suo gioco preferito e ci scorrazza per tutta casa.