la vertigine non è paura di cadere ma voglia di volare


Era l’8 ottobre quando uscivo di scena… da allora ad oggi ne ho fatte di cose!
Il tanto atteso e tanto temuto, intervento. Giorni di nullafacenza assoluta e l‘adattamento a questa nuova condizione.
Le prime scaramucce con l’inps preludio di quella che sarebbe stata una grossa incazzatura, nonchè sbattimento da un ufficio all’altro.
Lui che mi ha amorevolmente “accudito” scarrozzandomi a destra e a manca, cucinando per me (un pò), lavando i piatti (moltissimo!), raccogliendo innumerevoli volte le millemila cose che finivano a terra e che io non potevo raccogliere, pulendo (sempre e solo lui) con grande entusiasmo la casa, ecc. ecc. …ma sopratutto Lui che mi ha sopportato con una (iniziale) infinita pazienza.
Ora il cerchio si chiude.
Ho abbandonato il feticcio di questa mirabolante esperienza (un sexy corsetto elastico), ho ripreso a piegarmi, muovermi e distendermi in un modo degno di un essere umano.
Alle 19 di oggi finisce la mia reclusione forzata e torno ad essere una donna tronfia di libertà e quindi anche gonfia di lavoro, impegni, sveglie presto la mattina, vecchi ritmi da riprendere… e la cosa mi commuove al punto da riempirmi gli occhi di lacrime.
E’ il fatto di essere uscita da un incubo. Il fatto di essere arrivata alla fine di un percorso che ok, non sarà il peggiore che ti possa capitare, ma è stato doloroso, tanto anche psicologicamente. E’ il ritorno all’autonomia, alla libertà di decidere, di scegliere, di fare senza i limiti di una patologia che ti strazia se stai seduto, sdraiato, in piedi o se vuoi/devi camminare. Poi lo vogliamo ricordare che non ho più l’orario di riperibilità dell’inps? Vi rendete conto??? Piango!
Tutta questa commozione però nasconde anche paura. Paura di ritornare alla vita normale, ai ritmi persi, agli impegni da porre pure davanti alla mia stessa persona verso la quale, non sono stata mai così attenta come ora… Riflettendoci sono spavetata anche da tutta questa grande libertà che prima dell’intervento aveva smesso di essere così scontata.
Sono in cima ad una vetta.
Un brivido elettrizzante percorre la mia schiena e una vertigine piacevole mi pervade.

Dallo sterco nascono i fior


Mi lamento, spesso e volentieri.
Io le disavventure, i percorsi lastricati di insidie, le trappole burocratiche, gli impiegati acidi, le postille e i cavilli non li tollero anzi  li odio con tutta me stessa.
Li odio di un odio spropositato anche perchè generalmente, non mi incazzo in maniera costruttiva nè tanto meno vengo mossa  a far vedere chi sono io, ma piuttosto sviluppo un senso di ingratitune nei confronti della vita.
Si lo so, sono estrema ed eccessiva, ma che vi posso dire? Su di me il pessimismo cosmico leopardiano ha esercitato sempre un certo fascino.

Oggi quindi per fare qualcosa di diverso, ho deciso di rivalutare sotto un’altra prospettiva tutte le res adversis da cui sono stata interessata ultimamente, prima fra tutte la questione-inps (sempre sia maledetta).
“Dallo sterco nascono i fior” diceva De Andrè, e io  questi fiori li voglio regalare, porgendo la mano ai tanti sventurati come me (lo so che ci siete vi vedo dalla chiavi di ricerca!) che approdano qui perchè attanagliati dalle stesse frustranti, snervanti, prurigginose questioni.

Nasce per questo oggi una nuova rubrica, che trovate su in alto nel menù :

Se non lo sai, sallo!

Anti-stress

L’inps è il Male. Rovina le giornate, i mesi, l’esistenza!
Da mercoledì mi fa correre a destra e sinistra tra un ufficio e l’altro, il tutto sempre durante l’ora d’aria (stile carcere) dalle 8 alle 10. Sì perchè i suoi uffici sono aperti solo la mattina e danno udienza dalle 8:45 e se becchi il momento di calca, ciao tanti saluti si torna domani. Maledetta inps, sempre tu sia maledetta!
Ieri come ho già ampliamente raccontato ero furibonda.
Neppure l’aver abbandonato l’acido impiegato  ancora parlante nel suo monologo di insulse spiegazioni sbattendo la porta dietro le spalle, mi aveva dato un minimo di soddisfazione.
Il pomeriggio  sola, da passare in trepidante attesa di un eventuale, ipotetica, possibile visita fiscale si presentava lunghissimo. Avevo l’impellente bisogno di fare qualcosa, distrarmi, sedarmi in qualche modo e trovare un briciolo di soddisfazione.
Allora l’ho rifatto, perchè per me non c’è antistress migliore al mondo. Ho impastato.

Per la ricetta…

Continua a leggere

Sempre sia Maledetta l’Inps

sottotitolo – l’inps colpisce ancora… e pensare che i falsi invalidi, in Italia girano indisturbati

Ho subito un intervento chirurgico: discectomia ed erniectomia L5-S1.
Ovviamente sono in malattia. Da più di un mese.
Reclusione forzata ogni giorno dalle 10:00 alle 12:00, dalle 17:00 alle 19:00.
Le prime settimane dopo l’intervento, punti di sutura e ferita fresca richiedevano riposo assoluto e annullavano qualsiasi necessità/desiderio di spostamento.
Arrivati al momento delle prime passeggiate consigliate dai medici come primo step di riabilitazione, sono stata costretta ad uscire di casa per passeggiare dopo le 19 con il buio e i lupi, perchè nessuno poteva accompagnarmi e io avevo il divieto di guidare.
Passato un mese dall’intervento, in base alle indicazioni del foglio di dimissione  e successiva visita fisiatrica sto iniziando un percorso di fisiokinesiterapia (che sta ad indicare rieducazione motoria/massaggi/manipolazioni).
Ovviamente le persone preposte a suddette terapie, siano professionisti del privato o del pubblico, se ne sbattano altamente della presenza di fasce orarie di reperibilità e così danno appuntamenti di terapie anche richieste con prescrizione medica urgente, quando possono.
Risultato? Mercoledì ero andata dal chiropratico, nella CittadellaSalvezza, che non è precisamente sotto casa, ma richiede un tragitto in auto di circa tre quarti d’ora… e non è venuto quello stronzo della visita fiscale?!
Il suddetto controllore ha avuto anche premura di lasciarmi una graziosa lettera nella cassetta della posta… Qui si apre un’odissea ancora irrisolta e chissà se mai si risolverà.
Con la meravigliosa lettera dello stronzo sono stata invitata a visita di controllo medico-legale presso l’asur dove non c’è manco un cazzo di cartello per capire “da che santo devi andarti a raccomandare”. Inutile dire che sono salita e scesa millemila volte i piani di quel maledetto edificio, per capire chi mi dovesse dare udienza. Trovata la porta giusta e compilati inutili fogli, la dottoressa, imperatrice indiscussa dell’ufficio, se ne esce con: “Abbiamo risolto la questione a livello sanitario, ora però lei deve andare all’inps a presentare il certificato che giustifichi la sua assenza”.
Non vi dico il rodimento di culo, che oltre tutto io ancora non guido e mi devo far continuamente scortare a destra e a manca. La cosa ha pure generato liti furibonde in casa, perchè pare mi dovessi opporre a tale indicazione (eccerto! che io sono una malata speciale e le norme previste le cambiano per me!).
Questo però era zucchero gente mia, uno zuccherino.
Stamattina vado all’inps con certificati di giustificazione e documenti vari. Prendo tutti i numerini previsti per diversi sportelli che tanto in quegli uffici non ci si capisce un cazzo e non lo sanno manco loro con chi devi parlare! Primo sportello sbagliato non è sua competenza, poi finalmente becco lo sportello giusto. Uno dei soliti impiegati acidi fino al midollo mi fa presente che mancano altri documenti per poter giustificare la mia assenza davanti all’altissima inps per una terapia in ambulatorio privato, pena la perdita dell’indennità di malattia.

Ora devo:
1) farmi fare un certificato dal medico di base in cui si scrive che io devo fare le terapie per cui non mi hanno trovato a casa, perchè il foglio di dimissione in cui c’è questa indicazione non vale un cazzo;
2) ritornare nella CittàdellaSalvezza e farmi fare dal chiropratico una dichiarazione attestante giorno e ora della terapia effettuata, che tra l’altro ho già ma non basta perchè deve essere indicato anche  l’orario di apertura al pubblico, l’impossibilità di effettuare la prestazione in orari diversi da quelli compresi negli orari di reperibilità e pure quanti peli nel culo ha sto terapista!
3)portare tutto al simpatico impiegato, sperando che tutti quei fogli siano di suo gradimento.

CIOE’???  Io sarei in malattia per riposo e cure e invece voi inps dimmerda, istituto nazionale previdenza sociale, mi mettete in croce e mi fate venire l’esaurimento nervoso?!
Ma andate a rompere le palle a chi sul certificato c’ha scritto cefalea o virus intestinale… IO MI SONO OPERATA, cazzo!

 

N.B.: se le terapie/visite mediche vengono fatte in ambulatorio pubblico o in ospedale è neccessario un semplice foglietto di carta con giustificazione timbrata e firmata da un medico/terapista qualsiasi. Loro sono ritenuti personaggi degni fiducia e rispetto…

East, west, home’s best

– Dopo dieci giorni di assenza, la parete della cucina reclama ancor più di prima un quadro, una foto o qualsiasi altra cosa che la riempia.
– Il gatto mi adora, ne ho avuta la certezza quando varcata la soglia si è scapicollato dal suo giaciglio preferito per venirmi incontro.
– Durante la mia assenza il contenuto di armadi e pensili della cucina è inspiegabilmente imploso.
– Nel bagno sopra lo specchio al posto del faretto, ora c’è un lumino del cimitero. Le lampadine a risparmio energetico saranno una grande invenzione, ma siamo sicuri di risparmiare se devono stare accese almeno cinque minuti prima di fornire una luce decente?
– Gli impiegati dell’inps sono cordiali e simpatici come la sabbia nelle mutande.
– Lui è efficientissimo. La casa è pulita e in ordine. Fa la spesa, cucina, lava i piatti, fa la lavatrice, stende, ritira i panni e li ripiega (a modo suo, ma li ripiega), mi trova le puntate dei telefilm che voglio vedere, mi fa usare il suo amato e preziosissimo tablet, fa le commissioni al posto mio, mi porta a fare le passeggiate e molto molto altro. Tutto o quasi a suon di: “Cheppalle”, “Sei una rompicoglioni”, Che stress”.
– Da quando ho messo piede a terra dopo l’intervento, giro con indosso un sexy corsetto elastico (una specie di busto per capirci). Ho perso sicuramente in sex appeal, ma sicuro c’ho guadagnato due centimetri in altezza per quanto mi fa stare dritta.
– La cicatrice che ho sulla schiena è inquietante sia alla vista che al tatto, nonché per la sua indescrivibile sensibilità. Spero ardentemente in un suo miglioramento.

SoS INPS: come variare il domicilio di reperibilità durante la malattia.

Prendendo spunto dalla mia travagliata esperienza,  colgo l’occasione per svelarvi i segreti di una questione alquanto oscura: come è possibile variare il domicilio di reperibilità durante la malattia.
Premettiamo che io, il recapito telefonico dell’agenzia inps a cui devo far riferimento non sono riuscita a trovarlo e mi sono dovuta accontentare del numero di un suo fantomatico centralino, rivelatosi poi un call center.
I call center a mio parere, sono il male. Gli operatori che lavorano in quello dell’inps sono in grado di darti una svariata gamma di ipotetiche soluzioni a una sola questione, senza riuscire a farti capire bene dove devi andare a sbattere la testa. Allora che fai? Ritenti la fortuna, sia mai che con una botta di culo risponde qualcuno che sa dirti qualcosa di convincente?! Vane speranze. Ogni indicazione che viene fornita contrasta e vanifica quella data dell’operatore con cui si è avuto il piacere di comunicare precedentemente.
Se si è in cerca di conferme è inutile dire che queste non verranno date, mai. Qualsiasi suggerimento è fornito in maniera approssimativa, se non del tutto errata.

Ma veniamo al dunque…
Se dovete per qualsiasi motivo cambiare il domicilio di reperibilità durante la malattia non Continua a leggere

chi l’avrebbe mai detto

Questo periodo di malattia mi ha portato ad imparare ad usare il fax. Che poi non è mica così scontato che uno ce l’abbia in casa e tanto meno che sia pronto a faxare il mondo per l’inps che la posta la controlla a tempo e comodo e per l’ospedale che tiene in ostaggio la tua cartella clinica. Ho spedito più fax in questi giorni che in tutta la mia vita!

Essere convalescente comporta anche un sacco di chiamate da fare, visite da prenotare e sbattimenti vari. Alla fine arrivi a chiederti dove sia ‘sto riposo che tutti ti dicono di dover rispettare.
Un tour de force di chiamate e fax, a me uccide.
E’ vero anche, che probabilmente sopravvaluto le mie capacità attuali.
Conciliare chiamate e fax vari con la preparazione di una semplicissima crostata in una mattinata sola, non è ancora nelle mie possibilità. L’altro giorno, dopo cotanto lavoro ero devastata, su di me è piombata una spossatezza spropositata e ci sono volute due ore di letto per riprendermi.
Alla fine di cose riesco a farne parecchie intervallandole continuamente, con un pó di riposo. La cosa mi scoccia da morire, ma tanté.

In questi giorni ho ricevuto diverse visite di amici e parenti,.che quasi mi ci ero abituata ad avere ospiti a pranzo che oltre a farmi compagnia, mi scolavano la pasta, me la saltavano in padella e poi insistevano tanto per lavare i piatti.
“Che bella vita!” dice Lui, vistosamente invidioso della mia nullafacenza.
Non sa che quando supero un certo numero di ore in solitudine, inzio a piazzarmi davanti la finestra (stile nonna!) e aspetto il suo rientro a casa. Certo c’è sempre il gatto con me, ma non mi risponde quando gli parlo!