niente succede per caso

Niente succede per caso.
C’é sempre granello di responsabilità, un bisogno malato che soddisfiamo in modo perverso, una visione non esatta, una convinzione sbagliata, una distorsione della realtà…

E ti trovi lì. Infangato fino alle ginocchia. Intrappolato nel nero vischioso delle tue delusioni. Colpito dal chiarore accecante delle disillusioni, sorpreso dal freddo gelido della realtà che spazza via il dolce tepore del mondo dai colori pastello che volevi vivere o che forse desiravi così forte, da convincerti che esistesse veramente.

Raccogliere i cocci per l’ennesima volta?
Buttare tutto nel secchio?
..e l’amor proprio dov’è?
Chi mai può proteggerci se non siamo prima di tutto noi a farlo?

Vorrei essere come l’araba fenice, capace di rinascere bella e vigorosa dalle proprie ceneri.
Ogni volta invece, sento che perdo un pezzo di me,un pezzo che mani grossolane ed egoiste strappano via e calpestano crudelmente.
E in tutto questo il dolore più grande non arriva dalla ferocia di gesti e parole, ma dal fatto che io permetta tutto ciò.

“Casalinghitudine”: gioie e dolori

Vivo con il casalingo più puntiglioso, petulante, pretenzioso e perfettino che ci possa essere.
Mi spodesta continuamente nel ruolo di angelo del focolare.

La spesa , le pulizie, l’organizzazione della casa… come la sa fare lui nessuno mai e forse é anche vero, eh.
Una fortuna?!

Magari si, se non mi bacchettasse continuamente.
A parte il vantaggio di non dover pulire i pavimenti il resto é solo frustrazione/ estromissione.

Non ci possono essere “due prime donne” in una casa!!!

Lo senti il rumore del cuore?

La vita di tutti i giorni alza un polverone tale che i margini delle cose sfumano, si fondono e  confondono. Le giornate si consumano fra il pensiero di dover fare questo o quello. La casa che è da pulire, il lavoro che non soddisfa e le frustrazioni con cui ci fa rincasare,  il lavoro che c’è e poi non c’è più,  la lavatrice da stendere ma porca! mi sono dimenticata di farla partire, le ferie, quali ferie?!, stasera cosa cucino?, fammi dormire che domani mi devo alzare presto,…
Spesso non è chiaro a che gioco stiamo giocando, quali regole ci siamo dati. Spesso ci fossilizziamo in ruoli che ci appartengono, ma non siamo solo quello.
Spesso forse non ce la mettiamo nemmeno tutta per farci capire, per farci riconoscere, per ricordarci di noi, di dove siamo e perchè siamo arrivati qui.
…all’ennesimo litigio poi, un’illuminazione ti riporta tutto alla mente.
Ritrovi quelle sensazioni che sanno di noi, quelle che ti donano una tranquillità irreale, quelle da cui avevi perso il contatto e non riesci a capire come sia potuto accadere.
Ritrovi il senso.
Il senso immenso di me e te insieme,
che lottiamo ogni giorno,
come possiamo,
per noi.

Essere o non essere

 

” Esistiamo
fintanto che
siamo ricordati.”

Carlos Ruiz Zafón

    L’ombra del vento __________________________________________________________________________________________________________________________________ _______________________________________________________________________

Ho sassi nelle scarpe e polvere sul cuore, freddo nel sole e non bastan le parole

Bentornata, come stai?, abbracci, come è andata?, baci… ecco, questo più o meno è il sunto delle interazioni sociali delle ultime giornate.
Per carità fa piacere…, ma anche no.
Mi spiego . Giorni fa quando, il dì del ritorno si avvicinava, la mia più grande preoccupazione era “Ce la farò a reggere i ritmi da pallina matta?” subito seguita da “Oddio! Mi spareranno il faro occhio di bue addosso e inizieranno a chiedermi cose, a baciarmi ed abbracciarmi.”
Che problema c’è? – direte voi.
All’epoca non lo sapevo di preciso. Avvertivo solo una certa sensazione di imbarazzo all’idea, ma poi ho capito.
Se mi chiedi come sto, ora che mi hanno operata e manco da lavoro da quasi due mesi, a me si riempiono gli occhi di lacrime e mi si spezza la voce in gola mentre ti rispondo.
(Lo so lo so, io c’ho qualche problema, parecchi probabilmente)
Le prime volte che mi è successo mi sono sentita tradita. Quella me che di tanto scalpita e  sgattaiola fuori così come le pare, me l’aveva rifatta! Le volte successive ho cercata di tenerla un pò più a bada ma con scarsi risultati, fino a che ho preso coraggio e mi sono voluta chiedere perchè.
Voglio dire… tutte le sedute di psicoterapia fatte, le vogliamo far fruttare un pò?
Vogliamo usare quei pochi strumenti appresi?
Inzialmente non ho trovato spiegazioni. Pensandoci, visualizzavo proprio il nulla e visto il palese meccanismo di difesa mi sono lasciata perdere. Certo che però se scavi dentro te e lo fai con piena intenzionalità e ti dai tempo, prima o poi salta fuori quel che cerchi.
La risposta si è materializzata davanti ai miei occhi così dal nulla, più velocemente di quello che avrei creduto.
Oggi la mia pazza fisioterapista (donna dai metodi alternativi ma con un cuore grande grande) non c’era. Al suo posto mi hanno appioppato la vecchia regina madre del reparto: la strega cattiva in persona. La signora mi ha fatto fare gli esercizi e ha descritto in maniera c(l)inica il mio stato attuale,ha detto che la mia schiena e così e colì, ecc. ecc. … Ha detto anche cose positive, devo ammetterlo, ma a me nella testa rimbobano solo quelle negative… e uscita dall’ospedale ho avuto l’illuminazione.
Mi sento fallata. Sì proprio così: fallata, non mi viene termine migliore per descriverlo. Parlare dell’intervento di come sto o come non sto me lo ricorda. Sono fallata e non importa se con l’intervento mi hanno aggiustata, io ero fallata. E resto fallata perchè mi hanno dovuta aggiustare e a testimonianza di questo fatto adesso c’è anche quella meravigliosa cicatrice che mi trovo sopra il sedere.
Non si direbbe, ma dietro questa faccetta dolce e sorridente si nasconde una lei spietata e crudele con se stessa, che non si perdona nulla, che non ne lascia passare una, ma anzi se può rincara la dose…
Ecco ve l’ho detto. Sono una matta dalle personalità multiple.

… mi coccolo e mi struggo con questa.

Pallina Matta Mood: ON

Dieci ore fuori casa quasi no stop.
Pausa pranzo utilizzata per la fisioterapia ancora da finire e per trangugiare un un sandwich e un caffè al volo.
Sono tornata a pieno in quella che era la mia normale modalità “pallina matta” senza soccombere. Sono devastata eh, non è che è stata proprio una passeggiata.
Per esempio questa mattina dopo un oretta, quando già avevo salutato tutti, raccolto baci a abbracci e ricevuto un meraviglioso cartellone colorato di bentornata con tutte le firme dei bimbi, io sarei pure tornata a casa con l’idea di rimettermi il pigiama e poi rinfilarmi nel letto. Questo desiderio si è fatto più forte poco dopo quando MaestraMatta ha deciso che era indispensabile spegnere il termosifone vicino al quale mi ero strategicamente piazzata e aprire la finestra… Non c’è proprio rispetto per chi non è in menopausa!
Il pomeriggio è scivolato bene per fortuna, ma il freddo gelido, pungente e umidissimo che solo una città di mare ti sa offrire, hanno accresciuto l’enorme desiderio di casa, pigiama, letto e/o divano. Lui però aveva altre idee…
Ieri gli era venuta in mente una mia ricettina e oggi s’è portato a casa una busta della spesa piena di tutti gli ingredienti necessari e che ve lo dico a fare?!
Ho cucinato. La cucina è un’attrazione troppo forte…
Presto vi illustrero il meraviglioso sformato di riso che abbiamo mangiato stasera, ma ora vado.
Morfeo mi rincorre da stamattina.
Notte nottolosa!