Welcome autumn

Non vorrei mettermi ad elencare gli svariati problemi di salute che ho, tanto meno tutti medici specialisti che ho consultato negli ultimi tre mesi… ma è evidente, devo avere una qualche forma di allergia alla vita! 

image

Questo fine settimana, è il turno delle placche, amabilmente individuate questa mattina dal medico in servizio alla guardia medica, dopo una notte d’inferno. Ora mi aspetta una bella settimana di antibiotici e tanto tanto odioso lavoro, chè qua non si può stare nemmeno male, ci sono troppe cose da fare.

Scritto con WordPress per Android

Annunci

io speriamo che me la cavo


Vigialia dell’inzio dell’anno scolastico.
Una sera in cui generalmente faccio fatica ad addormentarmi perchè sono emozionata come una bambina al primo giorno di scuola, anche se ormai sono anni che mi ritrovo ad essere “dall’altra parte della cattedra”.
Da quando faccio questo lavoro, in questo periodo sprizzo energia da tutti i pori, sono propositiva, felice e piena di entusiasmo.

Continua a leggere

Diciamocelo

Sono un pò di giorni che cerco di mentire a me stessa. Fingo di non sentire nulla anche se so benissimo che non è normale avere di tanto in tanto, la sensazione che i propri organi  interni si appallottino e si compattino in un blocco unico.
Nelle mie vene scorre e pulsa ansia. Inutile nasconderlo.
Sono stressatissima. In ambito lavorativo ci saranno cambiamenti dettati da quella che è stata una mia scelta e come si sa “chi lascia la strada vecchia per quella nuova,sa quel che lascia ma non sa quel che trova”. Ovviamente la mia decisione ricadrà su altri che pretenderanno spiegazioni, almeno come ultimo atto della prepotenza con cui si sono sempre relazionati a me.
La mia schiena sfasciata mi condanna a sopportare una sciatalgia micidiale da mesi. E non passa, non vuole passare. E io non so che fare, non so da chi farmi vedere. Non so come farmi curare. Non so se mi dovrò operare quella maledetta ernia. Tutti mi dicono tutto e il contrario di tutto: propongono cure senza nemmeno vedere referti, fanno diagnosi e prevedono un intervento senza averne la competenza… intanto io sento dolore da mesi e mi trascino a lavoro (e cito solo il lavoro perchè faccio solo questo, la mia vita è azzerata) zoppicando come un’ inferma e stando ben lontana dalla boccetta dell’antidolorifico, chè pare che io debba resistete stoicamente.

Non c’è da sorprendersi poi se sogno di essere su un treno e di non riuscire a scendere in tempo nella stazione giusta e mi sveglio piena di angoscia.

 

September is coming

Settembre è da sempre per me, il vero inizio dell’anno.
Si riprende la routine e si abbandona la pazza estate, piena di stravizi, follie, uscite, vacanze, ore piccole… con settembre si riprende la “vita vera” quella più seria e regolare, chè l’estate è così bella da essere un sogno, un periodo troppo bello per essere vero.

Le cose sono andate diversamente, quest’anno. Per quanto continui ad avere un amore sconfinato per la stagione in cui sono venuta al mondo, facendo un bilancio di certo non posso dire di che lei, la Signora Estate, sia sta clemente con me. La cassa integrazione improvvisa, i problemi di salute che non mi hanno mai abbandonata e costretta a rinunciare troppo a tutto quello che è l’estate, il continuo  lottare per rimettere insieme i cocci rotti… l’hanno resa un periodo davvero faticoso e non mi permettono ora di affacciarmi all’autunno col mio solito entusiasmo.

Adesso sembra che ci siano cambiamenti in arrivo, magari pure belle novità sia per Me che per Lui e solo a Settembre spetta l’ardua sentenza.